NOTIZIE&DOWNLOAD VALORIZZARE LA BIOMASSA AGRICOLA

VALORIZZARE LA BIOMASSA AGRICOLA

Il 08/07/09

BIOVALORE    La messa in atto di sistemi per la valorizzazione energetica da biomasse agricole permetterà di diminuire le emissioni di gas serra e di incrementare la componente rinnovabile del mercato elettrico nazionale, concorrendo al raggiungimento degli obiettivi stringenti del Protocollo di Kyoto. Su questa traccia è stato approvato un nuovo progetto in cui la Cooperativa Agricola San Biagio costituisce azienda referente per uno studio condotto da un ingegnere neolaureato e finanziato dal Consorzio SPINNER 2013 attraverso il Fondo Sociale Europeo.

Biovalore, questo il titolo del progetto che ha raccolto il sostegno di Amministrazione Provinciale di Ravenna e di Confcooperative Ravenna si occuperà della costruzione di una micro filiera delle biomasse di provenienza agricola e della fattibilità di un impianto per il loro recupero energetico, unendo l’organizzazione dei servizi della Coop San Biagio e le disponibilità delle aziende socie. Favorire la nascita di una catena logistica locale dedicata alla raccolta del legno dalle aziende agricole consentirà finalmente di diminuire i costi di abbattimento e di trasporto verso le centrali utilizzatrici, nonché di sviluppare nuovi opportunità nel contesto della cooperativa e di aumentare nell’ambito locale lo sfruttamento di risorse rinnovabili.

La Cooperativa Agricola San Biagio intende contribuire al progetto del borsa di studio mettendo a disposizione le proprie abilità, le proprie risorse e le competenze tecniche acquisite per la nascita di un sistema locale che valorizzi le biomasse residuali derivanti dalle normali pratiche agricole, fornendo anche il proprio supporto materiale in termini di attrezzature, in ufficio e in cantiere.

Il conseguimento del risultato del progetto “Biovalore” sarà una preziosa opportunità per l’azienda: infatti solo mettendo insieme le competenze necessarie, dal percorso autorizzatorio a disponibilità della materia prima, migliori tecnologie disponibili, sostenibilità di bilancio energetico ed economico scelta e realizzazione dell’ impianto si potrà dar luogo ad uno Spin Off della Coop come piccolo produttore energetico da fonti rinnovabili.

I nostri migliori auguri di buon lavoro all’ingegnere meccanico Giulia Casadio.